Top
Image Alt

Desperate Surfer's Wife

  >  Storie DSW   >  Eatineraries   >  Il Lato Gourmet di Lanzarote: Dove e cosa mangiare

COME SI MANGIA A LANZAROTE?

A parte eccezioni culinarie indimenticabili, per me è più facile ricordare la leggerezza e l’allegria che respiravo durante le nostre pause pranzo, tra un bagno e l’altro, o le cene condivise con gli amici. La felicità è il miglior ingrediente, capace di insaporire qualsiasi tipo di pietanza.

Devo fare una premessa, alcune delle esperienze che racconto in questo articolo le abbiamo vissute prima dell’epoca ossessivo-compulsiva di scattare foto ad ogni tozzo di pane mangiato. Quindi, non aspettatevi immagini da food blogger, lifestyle guru o chi più ne ha.

Immergetevi nel gusto e nell’esperienza senza fare troppo i sofisticati o gli attenti al design!


Torniamo a bomba: se avete voglia di immergervi nella vita del posto, chiedete del Tele Club di zona. Ogni agglomerato pseudo urbano di Lanzarote ne ha uno. In origine erano i luoghi dove i compaesani si riunivano per guardare insieme la TV o giocare a bocce. Non garantisco sulla qualità del cibo, perché spesso cambiano di gestione ed è complicato seguirne l’evoluzione. Sarete però sicuri di incontrare gente del posto ed un’atmosfera tendenzialmente Conejera: termine che si utilizza per definire luoghi ed abitanti di Lanzarote.

Sapete come invece i locali definiscono i turisti? Ghiri! Che non è propriamente un termine elogiativo, ma neanche dispregiativo. Io l’ho sempre interpretato come un essere che si aggira senza molta cognizione di causa, con l’atteggiamento tra il faceto ed il distratto, insomma, il classico turista che riconosceresti tra mille.

CONSIGLI PER UNO SPUNTINO VELOCE

Un posto economico dove pranzare a base di tapas e pesce fresco, potrete trovarlo a La Santa: Er Barquillo. Un locale dove incontrerete surfisti affamati in pausa tra un bagno e l’altro, avventori locali e lettori di questo articolo.

Parlando di pranzi, mi viene in mente un’altra, memorabile esperienza gourmet firmata Lanzarote, quella volta in cui pensammo bene di portare i miei suoceri a pranzare a Yaiza, al Bar El Stop. Il vocabolo tipico in questo caso non fu molto apprezzato dalla mamma di Emanuele, che preferì aspettarci fuori, alla disperata ricerca di un tramezzino. Non la biasimo, l’atmosfera da osteria di quartiere, dove si servono tapas e piatti estremamente tipici, senza infiocchettare troppo servizio e presentazione, possono non appartenere a stomaci più ricercati. Per quello che mi riguarda, lo spuntino fu sfizioso, caratteristico e molto economico: una tappa sicuramente fuori dai viaggi di gruppo.

La mia merenda preferita era a Puerto del Carmen, posto che non amo se non per le lunghe partite a Bowling con Rafa e Yasmina, ma che attirava le mie papille gustative per un unico, indimenticabile botteghino: LLAOLLAO alla Biosfera. Quando Emanuele doveva farsi perdonare qualcosa, tipo sei ore passate in macchina prima di scegliere uno spot, andava sul sicuro attraversando ulteriormente l’isola ed approdando in questo centro commerciale, che custodiva un tesoro: il Frozen Yogurt gusto RAFFAELLO!

Per una cena speciale, vi consiglio due posti:

EL AMANECER AD ARRIETA

Un ristorantino che si affaccia sul mare. Per alcuni è diventato un pò troppo turistico, io amo ancora il calore e la gentilezza dei camerieri, che sono gli stessi dalla notte dei tempi. Amo il pane caldo che arriva, non appena ti siedi, accompagnato da salsette irresistibili – per le quali una scorta di Vigorsol post-cena è strettamente consigliata – ed il pesce freschissimo da assaporare ad ogni boccone.

CHEF NIZAR AD ARRECIFE

Nizar è il padre di un nostro amico, abbiamo avuto la fortuna di essere ospiti nella sua fattoria sulle colline, un giorno in cui il ristorante era chiuso e lui poteva godersi il suo eremo campagnolo. Dovevamo fermarci per uno spuntino, invece Nizar sparì in cucina per un’oretta, e la scampagnata si trasformò in un’esperienza sensoriale commovente. Una Paella da Guinness dei primati ed altre delizie inarrivabili. Soltanto ingredienti della terra e dell’oceano, quello che la stagione offriva alle sue coltivazioni, ed una passione nella cucina che raramente ho potuto apprezzare.

La stessa che avevo assaporato gustando il miglior dolce della mia vita, proprio nel suo ristorante: una mousse di cocco e yogurt, con salsa al melograno. Quel dolce è completo solo quando gli alberi del campo di Nizar offrono questi frutti meravigliosi. Per il resto, lasciatevi conquistare dalla sua cucina libanese-mediorentale e dal suo gusto squisito nell’ospitalità.

DOVE FARE LA SPESA A LANZAROTE

Ci sono poi un paio di posti che meritano una menzione speciale, se mai vi troverete a fare la spesa a Lanzarote.

La Ahumaderia de Uga, una bottega dove si vende salmone affumicato di produzione propria, veramente notevole. È sempre consigliabile chiamare e prenotare, per passare poi a ritirare il giorno successivo. In caso contrario, potreste rischiare di fare un viaggio a vuoto.

Il Roper alla periferia di Arrecife: un supermercato enogastronomico che riserva sempre sorprese gustose.

Da una vasta scelta di formaggi spagnoli e non, ad una vasta scelta di prosciutti, fino al pesce fresco di giornata. I prezzi non sono popolari come l’adiacente IperDino, ma la qualità è decisamente superiore.

Andare a fare la spesa al Roper, dopo aver mangiato il frozen yogurt a Puerto del Carmen, equivale per me ad una fettina di paradiso dei buongustai!

Breakfast Time.

AVETE MAI ASSAGGIATO LA CARNE DI SQUALO?

Il sapore più strano che abbia mai assaggiato in vita mia?!?

Una sera di qualche anno fa, eravamo ad un barbecue di amici a Famara, ed io ero l’unica a non aver mai mangiato la carne di squalo.

Non che morissi dalla curiosità di assaggiarla, in realtà, però i miei amici erano talmente entusiasti all’idea di farmi scoprire qualcosa di nuovo, che non seppi rifiutare. Il mio errore, probabilmente, fu quello di perseverare nella cortese abitudine di apprezzare quello che ti viene offerto con il cuore. Quindi feci credere a tutti che quel sapore un pò stoppaccioso e del tutto nuovo al mio palato, mi piacesse.

E giustamente, tutto lo squalo avanzato finì nel mio piatto, quale gesto di amicizia sincera e condivisione.

Bon Appétit!

post a comment